La musica funk a Torino? Sì, con i What the funk!

Sabato 4 giugno, al circolo ARCI The Hustler a Torino è andata in onda la vera musica funk, con note accattivanti che si sono fuse in un intreccio di ritmi e accordi con un richiamo a differenti stili musicali, quali il blues, il rock psichedelico, il soul e la black music.

Il genere “funk”, per coloro che non lo sapessero, nacque negli Usa alla fine degli anni ’60 e il termine veniva usato per indicare non qualcosa di sporco o maleodorante bensì seducente, sensuale e avvolgente, l’odore che trasmette il corpo quando è in eccitazione.

La musica funk è stata suonata da un gruppo che da poco calca la scena torinese, e non solo, ma che si sta facendo conoscere a un ritmo sempre più crescente, riscuotendo apprezzamenti sia dagli appassionati di musica funk sia da coloro che non si sono mai interessati a questo genere ma che, grazie a questi ragazzi, lo sta scoprendo e iniziando ad amare.

Il gruppo si chiama What the funk e le ipotesi sul nome si sprecano: anche se lo sapessimo, non potremmo in alcun modo rivelarvi se il nome richiama o meno la famosa frase dello slang americano “what the fuck”, in quanto è un segreto ben celato tra i membri della band! 😀

Ma passiamo a parlare dei componenti, perché sono loro il vero spirito portante della musica funk che è stata suonata pochi giorni fa a Torino e che ha risuonato in tutto in quartiere fino a tarda sera, facendo divertire e ballare tutti, dai più giovani ai meno giovani.

La voce del gruppo è quella di Giulia, una ragazza dallo spirito gioviale e tenace, con una voce potente e ricca di calore che ha conquistato il pubblico dando voce alle parole dei testi come se fossero sempre state sue. Seppur giovane, fa mangiare molta polvere a suoi colleghi più anziani e che hanno maggiore esperienza nel settore.

Alla batteria troviamo Alessio, il quale con una perfetta sincronia tra piedi e mani è riuscito a far suonare piatti e tamburi, tenendo il tempo e regalando ritmo e un’energia che si è sprigionata tra tutto il pubblico. Gli occhiali da sole hanno fatto sorridere vista la tarda sera, ma in modo assolutamente bonario.

L’outfit con gli occhiali da sole ha interessato anche altri due componenti della band che, seppur abbiano suonato strumenti diversi, hanno lo stesso nome. Stiamo parlando di Antonio, alla chitarra, che ha fatto risuonare note e accordi anche particolarmente difficili in tutta la sala, riuscendo a trasmettere oltre alla competenza anche una vera passione per il suo strumento, e l’altro Antonio, alla tastiera, un ragazzo molto giovane e altamente promettente che ha regalato, tra una nota e l’altra suonata con estrema precisione, armonia e musicalità a tutti i pezzi.

Al basso troviamo un musicista che ci ha fatto emozionare, facendo comprendere anche ai profani della musica la differenza di suono e ritmo tra la chitarra e il basso. Stiamo parlando di Alberto: un ragazzo dalle dita veloci che si sono mosse sulle corde della tastiera trovando anche le note più complesse, energia allo stato puro che ha trasmesso non solo attraverso il suo strumento ma con tutto il corpo, regalandoci accordi accattivanti e sensuali in pieno stile funk.

Due strumenti a fiato chiudono il cerchio, regalando alla band ancora più grinta: Giuliano, al sassofono, ha accompagnato i pezzi entrando in sintonia con essi, con una nota di blues e jazz molto interessante, mentre Vittorio, alla tromba, è riuscito a eseguire passaggi difficili e raggiungere tonalità molto alte senza la minima, apparente, difficoltà.

Una serata da ricordare, quella regalataci dai What the funk lo scorso 4 giugno, alla quale speriamo ne seguirà presto un’altra e un’altra ancora.

Intanto, facciamo i nostri complimenti a tutta la band!

Arianna Bess

Centri di eccellenza oculistica: in quale recarsi?

Come scegliere il migliore, tra i centri di eccellenza oculistica presenti in Italia?

La vista è troppo importante per essere trascurata, infatti richiede un’attenzione costante da monitorare con il passare del tempo. Oltre ai disturbi tipici della terza età, in cui si sviluppa un calo naturale delle capacità degli occhi, talvolta si possono presentare delle patologie anche prima. E’ per questo motivo che è bene recarsi in uno dei centri di eccellenza oculistica, i quali sono specializzati proprio nella cura dell’apparato visivo. Qui si presta attenzione a qualsiasi problema inerente la salute degli occhi: da quelli più lievi, per correggere eventuali difetti, così come quelli che richiedono dei veri e propri interventi. Negli ultimi anni la medicina ha fatto passi da gigante nella chirurgia oftalmica, permettendo di migliorare la condizione della vista con operazioni sempre più mirate ed efficaci. Grazie alle nuove tecnologie, e agli strumenti d’avanguardia, chi soffre di uno di questi disturbi può trovare un sollievo rapido e definitivo. Oltre ai classici difetti come la miopia, l’astigmatismo o la presbiopia, che sono curabili con il laser, si può intervenire anche su eventuali disfunzioni all’interno dell’occhio. La retina e la cornea, che ricoprono un ruolo fondamentale, si possono trattare a livello chirurgico mediante l’impianto di lenti intraoculari.

I centri di eccellenza oculistica consentono dunque di sistemare ogni tipo di problema con la massima professionalità. Queste strutture sono gestite da medici specializzati proprio in campo oftalmico, quindi capaci di stabilire una diagnosi accurata e le conseguenti terapie. I servizi messi a disposizione dei pazienti sono numerosi, così da favorire un’indagine diagnostica completa senza omettere alcun particolare. I centri comprendono la maggior parte dei campi dell’oftalmologia: oltre a quelli d’emergenza e di pronto soccorso, non mancano quelli per la cura delle malattie genetiche, oppure di oncologia oculare. La chirurgia occupa un posto di rilievo in queste strutture, poiché è in grado di intervenire nell’immediato bloccando eventuali peggioramenti e curare una malattia definitivamente. Si tratta, quindi, di punti di riferimento davvero utili per chiunque avverta qualcosa che non va nella vista, specie per i casi geriatrici che richiedono un impegno maggiore. La cataratta è il caso più comune, infatti colpisce la maggior parte delle persone anziane. Recandosi presso uno dei centri di eccellenza oculistica, è possibile curarla tramite un intervento indolore che, spesso, non prevede nemmeno il ricovero. Un’altra patologia ricorrente è il distacco della retina che, pur avendo una certa importanza, viene trattato con un intervento ambulatoriale tramite il laser.

Chi volesse avere maggiori informazioni riguardo alla diagnostica e alle terapie, può effettuare una rapida ricerca online. I centri di eccellenza oculistica sono presenti nelle principali città italiane e mettono a disposizione degli utenti un sito ufficiale che è ricco di informazioni. Qui, infatti, si possono consultare tutti i servizi offerti, nonché i dettagli delle singole cure o delle patologie. Grazie a un team di oculisti specializzati, inoltre, è possibile rivolgersi a uno specialista in base al proprio disturbo, che sia chirurgo oppure no. In questo modo è più facile stabilire la natura dei sintomi e, di conseguenza, intraprendere una terapia specifica.

Volete visitare Ibiza? Consultate la nostra guida!

In quale stagione è meglio visitare Ibiza e quale tour fare?

Lo ammetto, è sempre stato il mio sogno visitare Ibiza, immergermi nell’acqua cristallina e nuotare in mezzo ai pesciolini, cavalcare i cavalli tipici dell’isola lungo le distese di sabbia, fare immersioni sott’acqua e andare alla scoperta della flora e della fauna locale. Ci sono persone che sognano di andare in Australia, in Giappone o in Nuova Zelanda, il invece mi sono sempre concessa il piccolo sfizio di desiderare di potermi recare a visitare Ibiza non troppo in là con l’età Tuttavia questo sogno nel cassetto è rimasto lì per un po’ e c’è voluto tempo prima che riuscissi a dire “ebbene sì, anche io sono stata ia Ibiza!”. L’occasione è arrivata con l’anniversario di matrimonio che ho festeggiato con mio marito a casa: lui sapeva bene quanto sarei voluta andare sull’isla blanca, in quanto è sin dal primo giorno che ci conosciamo che gli rompo le scatole chiedendogli di portar mici, e la sua risposta sempre negativa mi aveva fatto non poco arrabbiare più e più volte. Per sua fortuna questa volta però fece il bravo e come regalo di anniversario mi regalò una bellissima vacanza sulla mia isola preferita: tempo 5 minuti e stavo già pensando a cosa portarmi in valigia!

Consiglio a tutti i di recarsi a visitare Ibiza almeno una volta nella propria vita, anche se ovviamente due, tre o dieci volte sarebbe ancora meglio! Solo immergendosi nella cultura, nella natura e nella storia dell’isola è possibile conoscerla veramente, senza perdite di tempo inutili dietro attrazioni unicamente turistiche e senza rischiare di cadere in trappole per turisti che vi faranno spendere molto senza, tuttavia consentirvi di avvicinarvi veramente a 360° all’isola nella sua integrità, natura e bellezza.

Il momento migliore per visitare Ibiza è, a mio parere, l’estate, in quanto potrete prendere la tintarella preoccupandovi solo di dove spostare il cocktail, da che mano a che anno, e quale caletta scegliere per fare le vostre immersioni, ma è altresì vero che in questa stagione i prezzi sono più alti e il caos che si trova, derivante dal forte afflusso turistico, è maggiore, quindi ci si deve preparare a essere tolleranti e essere disposti ad accettare un po’ di trambusto e di caoticità. Nel caso invece in cui si preferisse fare le vacanze in un periodo molto più tranquillo dell’anno, avendo comunque la possibilità di immergersi nell’acqua cristallina dell’isola, vi consiglio di pensare alla vostra vacanza a Ibiza in tarda primavera o inizio autunno: in questi periodi dell’anno non solo ci sarà meno turismo ma i prezzi saranno inferiori e, quindi, si potrà unire la possibilità di fare una vacanza bellissima a un notevole risparmio per il portafoglio.

Tra pochi giorni partirò on mio marito e andremo a visitare Ibiza: sono molto emozionata, perché finalmente il mio desiderio di andare sull’isla blanca, che coltivo sin da quando sono una bambina, finalmente si sta per avverare. Vi farò sapere com’è andato il viaggio non appena rientrerò in Italia e vi darò qualche utile consiglio in modo che possiate organizzare al meglio la vostra prossima vacanza sull’isola!

Software per il controllo di gestione: come funziona

Quali sono i vantaggi derivanti dall’utilizzo di un software di controllo di gestione?

Un software controllo di gestione è assolutamente necessario per le aziende di qualsiasi dimensione in quanto permette di sviluppare strategie aziendali e nel contempo di offrire informazioni precise per il funzionamento dell’azienda. In un mondo in cui risulta assolutamente determinante cercare di essere sempre all’altezza della concorrenza i software di controllo di gestione offrono un aiuto determinante in quanto consentono di monitorare il conto economico e lo stato patrimoniale in pochissimi secondi permettendo così di risparmiare tempo senza per questo perdere in qualità. Grazie al software di controllo di gestione infatti sarà possibile effettuare diverse rilevazioni di tipo contabile come ad esempio la gestione delle movimentazioni di costo/ricavo e delle attività /passività inerenti una determinata commessa o una determinata area di competenza.

Ma non solo, sarà possibile anche realizzare rilevazioni di tipo prettamente gestionale come il calcolo del numero di pezzi prodotti in una giornata di lavoro, elementi questi che risultano essere molto interessanti nell’ottica della pianificazione aziendale a medio e lungo termine. Altro elemento che spesso volentieri finisce per passare in secondo piano è il fatto che tutte le aziende esistenti, indipendentemente dal loro settore merceologico, abbiano necessità di dotarsi di un software per controllo di gestione per gestire in modo efficace il proprio business e crescere il proprio volume d’affari. In particolare le aziende commerciali che lavorano su commessa e si occupano di vendita di prodotti e fornitura di servizi, ma anche le aziende produttive che lavorano su commessa per produzioni specifiche del cliente e le aziende di servizi possono tutte trarre giovamento tangibile dal ricorso a un software di controllo di gestione. Facendo affidamento su un software controllo di gestione, come ad esempio SAP Business One, sarà quindi possibile monitorare e controllare i costi in modo pratico e immediato, verificare l’efficienza dei processi aziendali, programmare le attività, controllare lo svolgimento dei compiti assegnati, valutare i risultati economici ottenuti, accertare la congruità dei prezzi di vendita e soprattutto rilevare il valore delle rimanenze di magazzino in modo da avere sempre un quadro aggiornato della situazione.

Tra le altre cose un software controllo di gestione consente alle aziende di avere a disposizione un valido strumento anche per scoprire quali sono i prodotti e i clienti che contribuiscono all’utile o alla perdita di esercizio e soprattutto calcolare i costi delle materie prime per ogni linea di prodotto in modo da avere sempre ben chiari i costi e i benefici per ogni ambito aziendale. Una delle criticità nella gestione di una azienda è infatti quella di raccogliere rapidamente dati e informazioni su diversi settori delle attività in modo da poter trarre indicazioni utili per determinare le strategie aziendali. Peraltro utilizzando un software di controllo di gestione si potranno conoscere in tempo reale anche quali sono i costi della manodopera per ogni linea di prodotto e confrontare tutti i dati raccolti in modo da aiutare le scelte aziendali. Se un tempo i software di controllo di gestione erano fuori portata per piccole e medie aziende, oggi con il progresso dell’informatica sono diventati una soluzione percorribile per qualsiasi realtà aziendale. Così questo genere di programmi sta riscuotendo successi crescenti anche perché permettono tra le altre cose di realizzare simulazioni di qualsiasi genere in pochissimo tempo e di aiutare a capire da cosa dipende il successo o l’insuccesso dell’azienda.

Le lavastoviglie Hoonved a Torino: quali sono le migliori

Dotarsi delle lavastoviglie Hoonved a Torino consente di avere piatti e bicchieri sempre puliti che risplendono!

La lavastoviglie è un elettrodomestico indispensabile per qualsiasi cucina, da quella domestica a quella professionale. In questo ultimo caso, le macchine dedicate al lavaggio di piatti, bicchieri e quant’altro si differenziano per portata e potenza. Chi gestisce un ristorante, un bar o una mensa collettiva, conosce bene la mole di stoviglie da pulire a fondo. Queste attrezzature diminuiscono il lavoro facendole tornare splendenti in breve tempo.

Chi vuole ottenere il massimo delle prestazioni, e ottimizzare il lavoro nella propria attività, si può orientare verso i prodotti a marchio Hoonved. Leader del settore da 50 anni, questa azienda è specializzata proprio nel lavaggio di stoviglie e oggetti delle cucine professionali. L’affidabilità del marchio è garantita da una lunga esperienza, grazie alla quale è stato possibile perfezionare ogni linea verso gli standard più alti. Impiegando gran parte delle attività nella ricerca e sviluppo, questo brand ha saputo valorizzare gli articoli di punta anche con l’impiego delle nuove tecnologie. Creando degli articoli all’avanguardia e al tempo stesso funzionali, assicura una resa eccezionale che non delude le aspettative.

Gli esercenti che hanno scelto le lavastoviglie Hoonved a Torino, puntando ai risultati migliori per il proprio locale, sono davvero numerosi. La richiesta, infatti, è molto forte: una testimonianza rappresentativa della sua eccellenza. Come detto sopra, questi macchinari si possono adattare a qualsiasi esigenza. Chi ha un bar di discrete dimensioni, ad esempio, può optare per quelle con un carico minore. Ai ristoranti, invece, avendo dei ritmi di lavoro ancora più frenetici e dovendo soddisfare un maggior numero di coperti nel minor tempo possibile, sono consigliate quelle più potenti e con una maggiore capienza. Nonostante le prestazioni elevate degli articoli di questa linea, è garantito anche un risparmio energetico davvero significativo. L’azienda presta molta attenzione ai consumi dei propri clienti, nonché agli sprechi, quindi ha ideato delle strumentazioni di ultima generazione per ridurli al minimo. L’applicazione della tecnologia è al centro della progettazione, la quale viene eseguita minuziosamente secondo gli standard più moderni.

Coloro che usano le lavastoviglie Hoonved a Torino rientrano dunque nella cerca di clienti che ha dato particolare importanza alla qualità. In questa ottica si tratta di un investimento vero e proprio per favorire la buona riuscita della propria attività. Non solo per ottenere i migliori risultati, con stoviglie perfettamente splendenti, ma anche per utilizzare degli elettrodomestici robusti e duraturi nel tempo. La loro resistenza non ha eguali rispetto a quelli di fascia medio bassa, che generalmente richiede una manutenzione continua e, alcune volte, anche a delle sostituzioni vere e proprie. Affidandosi a questo marchio si punta direttamente all’eccellenza, sia per l’impiego del proprio lavoro sia per la qualità con cui servire i propri avventori.

Per scoprire dove è possibile acquistare le lavastoviglie Hoonved a Torino, per attrezzare la propria cucina ad uso professionale, basta fare una semplice ricerca sul web. Il sito ufficiale permette di consultare il catalogo dei prodotti, così da scegliere quelli che rispondono meglio alle proprie necessità per poi acquistarli e farli montare direttamente nel locale.

 

La cataratta e l’intervento chirurgico per eliminarla

Guarire dalla cataratta con l’intervento si può? La risposta è sì!

La cataratta non è una patologia che interessa unicamente le persone con età avanzata, nonostante sia accertato che colpisca prevalentemente persone con un’età superore i 60 anni, le quali hanno una maggiore possibilità di riscontrare il disturbo visivo, così come coloro che, sin dalla tenera età, presentano problemi di miopia, i quali vengono maggiormente colpiti dal disturbo.

Per la cataratta l’intervento chirurgico è indispensabile e la tecnica usata prevede l’utilizzo del laser a femtosecondi mediante il quale viene eseguita la facoemulsificazione. Ad oggi non esistono possibilità di prevenire o stoppare l’insorgere della cataratta, pertanto qualora si presentasse il disturbo al via chirurgica è l’unica percorribile. Non bisogna ritardare l’intervento della cataratta, dal momento che il disturbo potrebbe peggiorare con il tempo e, quindi, occorre intervenire preventivamente, in modo da arrestare la progressione del disturbo ed eliminare definitivamente il fastidio, così che la persona possa ricominciare a svolgere una vita normale e soddisfacente, senza più alcun problema a livello visivo.

Quando si presenta il disturbo della cataratta l’intervento chirurgico prevede solitamente l’operazione di un occhio per volta, in modo da conservare la capacità di vedere per lo meno dall’altro occhio e, pertanto, poter continuare con la propria vita e riuscire a svolgere le azioni della quotidianità, seppur con qualche difficoltà in più derivanti dalla vista con un unico occhio. Solitamente si procede a operare l’occhio che presenta una cataratta peggiore, per poi procedere in un secondo momento, non appena il primo occhio operato si riprende, a operare il secondo occhio. E’ superfluo dire che la capacità visiva migliora nettamente una volta che sono stati operati entrambi gli occhi, dal momento che aumenta la capacità di mettere a fuoco, l’equilibrio e anche la profondità di visione.

Se si pensa di poter ovviare per la cataratta l’intervento in quanto si pensa di poter eliminare il disturbo con un trattamento farmacologico, occorre sapere che ciò non è possibile: i farmaci potrebbero, in taluni casi, farvi sentire un po’ meglio ma è un effetto solo transitorio e non definitivo: in brevissimo tempo si ricominceranno ad avvertire fastidi a livello visivo e si sarà punto da capo. Per la cataratta l’intervento mediante la facoemulsificazione è l’unica via percorribile per poter eliminare il problema, riporre occhiali e gocce per sempre nel cassetto e riappropriarsi della propria vita ricominciando a vedere finalmente bene. Il laser a femtosecondi viene solitamente usato per la correzione della cataratta con interveto chirurgico e negli ultimi anni sono sempre più numerosi i chirurghi che lo adottano, in quanto consente di accedere a innumerevoli vantaggi davvero molto interessanti, riducendo i rischi a una percentuale molto inferiore rispetto alle tecniche adottate in passato.

I costi dell’intervento per correggere la cataratta in maniera definitiva variano tra le differenti cliniche e, per tutti i dettagli e le informazioni relative all’intervento, la durata dell’operazione, la percentuale di rischi e le modalità di pagamento, è consigliabile rivolgersi direttamente presso la cliniche scelta per l’esecuzione dell’intervento. In tal modo si potranno ricevere tutte le risposte alle proprie domande e si potrà sapere come eliminare la cataratta con l’intervento chirurgico!

 

La palestra a Moncalieri perfetta per voi

Qual’è la migliore palestra a Moncalieri alla quale iscriversi?

Spesso i ritmi frenetici della vita quotidiana fanno passare in secondo piano l’attenzione alla linea, quindi ci si ritrova con qualche rotolino di troppo sul punto vita. Anche le abitudini sedentarie sono deleterie per la silhouette, specie per le donne che trascorrono ore e ore in ufficio sedute davanti al pc. In questo ultimo caso, infatti, le gambe tendono a gonfiarsi all’altezza delle cosce per poi influire anche sul lato B. Dopo settimane e mesi di rinvii, i jeans risultano stretti e quella camicetta che ci piace tanto segna troppo i fianchi: urge correre ai ripari.

Chi vuole rimettersi in forma e frequentare una palestra a Moncalieri può scegliere tra numerose strutture, ognuna delle quali offre sia i corsi specifici che i classici attrezzi in sala pesi. In questo modo è possibile focalizzarsi sul proprio benessere, dimagrendo in maniera efficace oppure tonificando i muscoli. I programmi d’allenamento sono variegati in base alle singole esigenze, e nella maggior parte dei casi comprendono le discipline più conosciute. Il pilates, ad esempio, è un valido aiuto per aumentare l’elasticità e la postura con musica distensiva; si tratta di uno dei metodi più famosi per scolpire il corpo che attira soprattutto l’attenzione delle donne. Per lavorare sulle gambe, asciugandole e rassodandole alla perfezione, si può invece provare lo spinning. Quest’ultimo richiede molta dedizione, infatti prevede una seduta intensiva di cyclette a ritmo di musica. Se si è in cerca di qualcosa di più intensivo, e di conseguenza efficace, si può provare l’allenamento di g.a.g. che si concentra su gambe, addominali e glutei. Per gli esercizi tradizionali, invece, basta frequentare la sala pesi, che è presente in qualsiasi palestra di Moncalieri. Qui si può usufruire delle macchine classiche come il tapis roulant, la cyclette, il crossfit e il vogatore. Ognuno di questi aiuta a lavorare su una determinata fascia muscolare e favorisce la perdita di peso per diminuire lo strato adiposo. In seguito all’iscrizione e il tesseramento, i clienti possono scegliere l’abbonamento che risponde meglio alle loro necessità, oppure optare per l’ingresso libero. Si può frequentare un solo corso specifico, così come abbinarlo ad un altro o combinarlo con la sala pesi.

Queste strutture offrono anche altre attività, come le arti marziali e il kick boxing, dedicate a qualsiasi fascia d’età. In questo modo si può seguire un vero e proprio sport senza dover ricorrere necessariamente agli attrezzi tradizionali.

Chi cerca a Moncalieri una palestra per tenersi in forma divertendosi, invece, può rivolgersi a quelle che organizzano corsi di zumba o sambafit. Si tratta di programmi che sfruttano la musica ritmata per mantenere la linea, insegnando inoltre le basi della danza in questione. Queste discipline si svolgono in gruppo, singolarmente o a coppie, e favoriscono l’allenamento con un approccio nuovo e stimolante.

Se si vuole andare al risparmio, in ultima analisi si può trovare una palestra di Moncalieri a prezzi contenuti grazie a Groupon. Si tratta del sito di coupon più diffuso in Italia, il quale mette a disposizione delle promozioni particolarmente allettanti per l’iscrizione a queste strutture, che solitamente sono piuttosto cospicue.

Il ciclo di vita del prodotto

Siete sicuri di conoscere tutto sui vostri prodotti?

Il ciclo di vita di un prodotto può essere complesso da analizzare, dal momento che gli elementi di cui tenere conto sono numerosi e, se non ci si muove in maniera ottimale, si possono commettere taluni errori. Quello che bisogna fare, quando si vuole analizzare uno specifico prodotto sin dal momento in cui è nato, ancora sulla carta senza prendere vita, a quello in cui ha smesso di funzionale o di essere appetibile per il mercato, è rivolgersi a una società competente e molto esperta in tale settore. Affidarsi a una società che non ha esperienza nell’analisi del ciclo di vita del prodotto può essere molto rischioso e, inoltre, si perderebbe tempo prezioso: quello che bisogna fare è non focalizzarsi unicamente sul prezzo che può essere applicato alle varie società, bensì soffermarsi a analizzare ciò che esse offrono, valutando i pro e i contro. Preferiste, parlando per un momento di un argomento che esula le questioni prettamente tecnologiche, dotarvi di un paio di scarpe nuove e confortevoli, robuste e impermeabili che vi dureranno anche 5-10 anni, pagandole una cifra un po’ sostenuta, oppure comprarne un paio fatte di materiali di scarsissima qualità, che si romperanno dopo pochi mesi, a un prezzo inferiore?

Questo per farvi capire che, rivolgendosi alle società specializzate ne ciclo di vita del prodotto attraverso la business intelligence, pagherete una quota per il servizio e la consulenza, ma accederete a un’offerta davvero molto valida e vantaggiosa che, siamo certi, non vi farà pentire della vostra scelta.

Cosa fare per poter analizzare il ciclo di vita del prodotto, in modo da capre se esso ha avuto successo o meno, quali sono stati gli ambiti e i settori nei quali tale prodotto ha riscosso maggiore successo,e quelli che invece hanno evidenziato un negativo? La risposta è semplice: occorre rivolgersi alle società che si occupano, specificatamente, di sfruttare gli strumenti di business intelligence per analizzare il ciclo di vita del prodotto in questione di una ditta, valutando quali sono stati i pro e i contro, quali i segmenti nei quali il successo riscosso è stato maggiore e quali hanno invece registrato un calo e un negativo da non sottovalutare.

Non bisogna agire in modo avventurato bensì in maniera ponderata e saggia, dal momento che tutto ciò che si desidera fare è, semplicemente, analizzare perché un prodotto ha riscosso o meno successo e, per farlo bisogna avere degli strumenti ad hoc, altrimenti l’intero processo potrebbe risultare non ottimale e, anzi, rischiare di portare gli analizzatori nella direzione sbagliata.

Il ciclo di vita del prodotto prevede varie fasi e tutte devono essere gestite da coloro che hanno una specifica e strutturata esperienza nell’impiego di strumenti di business intelligence, dal momento che grazie a essi è possibile accedere a innumerevoli funzionalità a livello informatico. Per maggiori informazioni in merito rivolgetevi a una società con molti anni di esperienza nel settore della business intelligence: troverete gentilezza e elevate competenze nella gestione di numerosi programmi ad hoc in base alle vostre specifiche esigenze a livello aziendale.

La clinica oculistica a Milano che fa al caso proprio

Volete rivolgervi alla migliore clinica oculistica di Milano?

Di questi tempi è purtroppo assolutamente normale soffrire di un qualche tipo di patologia agli occhi più o meno grave come la miopia (solo per fare un esempio), soprattutto perché anche a causa dello sviluppo delle nuove tecnologie viene favorito inevitabilmente lo sviluppo dello sguardo da vicino a discapito della vista da lontano.

Grazie allo sviluppo della tecnologia medica degli ultimi tempi però esiste finalmente l’opportunità di risolvere alla radice gran parte di queste patologie oculari semplicemente affidandosi alle cure di specialisti. A Milano basta scegliere la clinica oculistica che più si attagli alle proprie necessità e si potrà contare su personale altamente qualificato in grado di consigliare il paziente in tutte le fasi, da quando si entra per la prima volta nella clinica oculistica fino al decorso post-operatorio. Per scegliere la clinica oculistica a Milano più adatta alle proprie esigenze il consiglio è quello di raccogliere informazioni e di scegliere solo centri medici all’avanguardia nel campo dell’oculistica. Ci sono cliniche oculistiche specializzate nella chirurgia refrattiva e quindi nella correzione di difetti visivi come la miopia, l’ipermetropia, l’astigmatismo, la cataratta e la presbiopia. Il consiglio è quello di orientarsi per una clinica oculistica a Milano che faccia ricorso solo a tecnologie di ultima generazione che sono state concepite per venire incontro alle necessità dei pazienti e per trovare una soluzione definitiva al loro problema.

La clinica oculistica giusta deve essere un centro di eccellenza per la diagnostica, la correzione e la cura delle patologie visive, e deve avere come mission quella di migliorare la qualità della vita dei pazienti che vi si recano. Non bisogna infatti dimenticare che l’occhio rappresenta un organo di senso estremamente delicato e che quindi sarebbe consigliabile affidarsi solo a professionisti per porre rimedio alle patologie visive. Fortunatamente a Milano è possibile scegliere la clinica oculistica adatta alle proprie necessità potendo contare su centri che offrono tecnologia, studio e attività scientifica mettendo la propria esperienza a disposizione dei pazienti.

Spesso il rischio è quello di doversi affidare a centri che finiscono per trattare il paziente in modo quasi freddo, senza magari fornire tutte le informazioni adeguate ai familiari. Non tutti i centri però sono così, vi sono anche cliniche oculistiche che mettono al primo posto la soddisfazione proprio del paziente e dei propri familiari, non limitandosi quindi a offrire eccellenze dal punto di vista medico ma anche una assistenza di primo livello grazie all’impiego di assistenti personali che servono proprio a non lasciare mai soli i pazienti. Una volta scelta la clinica oculistica a Milano ritenuta adatta alle proprie necessità basterà mettersi nelle mani dei medici oculisti che effettueranno tutti gli esami e i test del caso prima di indirizzare verso il trattamento ritenuto più adatto per le necessità del paziente.

Tutti possono trovare, presso la clinica oculistica a Milano che hanno scelto, la giusta soluzione per i propri problemi visivi, eliminandoli (o almeno riducendoli molto) e ricominciando, finalmente, a vedere bene e nitidamente senza più la necessità di essere schiavi dell’utilizzo di occhiali o delle lenti a contatto.

 

 

Le palestre a Moncalieri

Volete rimettervi in forma in vista dell’arrivo dell’estate?

Il desiderio di rimettersi in forma accomuna tantissime persone, non solo dopo le festività natalizie bensì tutto l’anno, e tutti possono ottenere ottimi risultati decidendo di iscriversi alle palestre a Moncalieri, le quali mettono a disposizione di tutti gli amanti dello sport e della palestra tante strumentazioni nella sala pesi e l’opportunità di svolgere divertenti attività seguiti da insegnanti esperti e preparati.

Come iscriversi alle palestre a Moncalieri?

Innanzitutto bisogna recarsi presso la palestra prescelta e compilare i moduli assegnati con le proprie informazioni personali dopodiché si deve pagare la quota di iscrizione alla palestra e la tipologia di abbonamento (con la possibilità di scegliere se optare per 10 ingressi, per l’abbonamento mensile, trimestrale, semestrale o annuale). Se si desidera è possibile richiedere, presso le palestre a Moncalieri, di essere seguiti da un personal trainer, pagando una piccola quota aggiuntiva: il prezzo è però giustificato dal fatto che il preparatore seguirà il proprio allievo durante tutto l’iter di preparazione, spronandolo nei momenti di difficoltà e aiutandolo a eseguire anche le attività più complesse.

E’ possibile prendere parte a numerose attività presso le palestre a Moncalieri, per rimettersi in forma e tonificarsi divertendosi. Tra le varie attività quelle più richieste sono la zumba, il kick boxing, il pilates, la ginnastica posturale, le arti marziali e il total body.

Iscrivendovi alle palestre a Moncalieri potrete accedere a innumerevoli benefici non solo per il corpo che, comunque, sottoponendovi agli allenamenti diventerà subito più bello e sodo, ma anche per la mente, in quanto potrete scaricare la tensione divertendovi!

Tutte le informazioni sul capoluogo piemontese